006: Story of My Life in Music #3

Leave a comment Standard

Story of My Life in Music #1 | Story of My Life in Music #2

Visto? Vi avevo detto che avrei postato un video, ma oggi sono più brava perché oltre a quello vi posto anche una bella storiella! Continuiamo il viaggio nella mia vita attraverso la musica e oggi parliamo di Raf. Avrei potuto continuare con le canzoni importanti durante i miei anni alle elementari (“Pretty Fly (For a White Guy)” degli Offspring o “Everybody Get Up” dei 5ive – ahah oh mio Dio, chi se la ricorda? E il video??) ma non lo farò perché ho già parlato abbastanza di quegli anni (e diciamocelo, non sono poi così interessanti).

Invece oggi voglio fare un salto in avanti e arrivare alla seconda media e alla mia prima cotta. Ci siamo conosciuti a scuola grazie a uno spettacolo all’inizio dell’anno e ho avuto un colpo di fulmine per lui. Abbiamo riso, scherzato tutto il pomeriggio e poi abbiamo continuato a parlare anche per il resto dei due anni scolastici (perché le nostre classi sono andate in gita insieme e abbiamo fatto due altri spettacoli). Solo che io ero innamorata persa e lui non mi ha mai calcolata di striscio perché stava con un’altra ragazza. Classico, no? Ma non è questo il punto del post.

Durante lo spettacolo in cui ci siamo conosciuti alcuni dei nostri compagni hanno ballato sulle note di “Infinito” di Raf e da quel momento, per me, quella canzone è diventata la colonna sonora della mia cotta per lui. Ricordo anche di averla richiesta in radio un giorno e l’hanno passata perché hanno letto il mio messaggio. Poi ovviamente sono cresciuta e la cosa mi è passata, ma questa canzone sarà sempre legata al ricordo della mia prima cotta.

Pensate che dopo anni e anni l’ho anche sentita cantare dal vivo al concerto di Radio Italia in Piazza del Duomo a Milano l’anno scorso! E’ stata decisamente un’esperienza strana.

Qual è la canzone che ha fatto da colonna sonora alla vostra prima cotta?

A domani,

Poppy

Annunci

Story of My Life in Music #2

Comment 1 Standard

Story of My Life in Music #1

Il mese scorso ho deciso di cominciare una nuova serie di post in cui avrei condiviso le canzoni più importanti in ordine cronologico. Nel primo post ho parlato delle Spice Girls e a Natale mia sorella mi ha regalato la discografia intera e il film per ricordare i vecchi tempi! Immaginatevi la mia faccia quando ho tolto la carta e ho trovato i CD e il DVD! Perché sì, nonostante siano state il primo gruppo che io abbia mai ascoltato non avevo i loro CD. Avevo le musicassette, ma non so nemmeno dove sono finite.

Comunque, torniamo al post di oggi. Siamo nel 1997 e io avevo otto anni. A ottobre di quell’anno è uscito “Nimrod”, il quinto album dei Green Day, e all’epoca mia sorella ne andava pazza (sono ancora oggi il suo – e il mio – gruppo preferito). Ricordo ancora il giorno in cui mia madre ed io le abbiamo fatto una sorpresa. O meglio, mia madre le ha comprato la musicassetta (adesso mi sento vecchia sul serio), e quando mia sorella è tornata a casa da scuola ha trovato la musica dei Green Day che la aspettava in sottofondo.

Ricordo ancora che la mia canzone preferita dell’album era “Hitchin’ A Ride” e quando guardavo la TV speravo sempre che facessero vedere il video perché volevo registrarlo su una videocassetta per mia sorella.

La seconda canzone di cui voglio parlare oggi è “All The Time” (che non è mai stato un singolo). La ricordo con particolare affetto perché è stata la primissima canzone di cui ho imparato a memoria tutte le parole e che mi ha fatto amare l’inglese. Andavo in giro cantando la prima strofa, felice come non mai perché sapevo anche cosa volessero dire quelle frasi in una lingua sconosciuta.

E l’ultima canzone che voglio citare oggi è “(Good Riddance) Time of Your Life”

Questa canzone è stato un singolo e ha avuto anche parecchio successo. Vedevo sempre il video su MTV ed ero anche riuscita a registrarlo. All’epoca avevo una videocassetta tutta mia su cui registravo tutti i miei video preferiti e avevo messo questo almeno tre volte. Ah, che ricordi.

Insomma, la mia passione per i Green Day è nata tanti e tanti anni fa (in realtà ancora anni prima, quando chiedevo a mia sorella di farmi ascoltare la canzone di “quello verde” e mi riferivo a “Dominated Love Slave“, cantata da Tré Cool) e uno dei tanti motivi per cui mi piacciono è che, anche loro come le Spice Girls, mi hanno permesso di avvicinarmi a mia sorella.

Alla prossima, con il terzo “episodio” di questa serie di post!

Poppy

Giorno 147: The Story of My Life in Music

Comments 2 Standard

Oggi ho deciso di inaugurare questa nuova “serie” di post in cui voglio raccontarvi qualcosa in più su di me. E il modo in cui ho deciso di farlo è tramite la musica, perché come sapete è importantissima nella mia vita. Voglio presentarvi le canzoni che hanno segnato momenti particolari e comincerei da Wannabe delle Spice Girls.

Siamo nel 1996, quindi avevo sette anni e frequentavo le elementari. Questa è la prima canzone che ho scelto perché è il primo che ricordo con precisione.

Mia sorella e le sue migliori amiche erano grandi fan delle Spice Girls e ascoltavano le loro canzoni quando si trovavano a casa mia. Così ho cominciato ad ascoltarle anch’io, perché quando ero piccola volevo imitare le ragazze più grandi. Volevo diventare come loro.

Wannabe è stata la canzone che mi ha introdotta al mondo della musica. Guardavo sempre il video e a scuola le mie amichette ed io avevamo inventato una coreografia e fingevamo di essere le Spice Girls. Io ero Sporty Spice (Melanie C.), anche se non per scelta. Avrei voluto essere Ginger Spice (Geri Halliwell) o Baby Spice (Emma Bunton).

E’ stato anche il brano che mi ha introdotta all’inglese, perché mia sorella studiava a memoria e traduceva i testi del gruppo ed io cercavo di capire quello che stava succedendo. A volte cantavamo insieme (e quando ero con lei potevo finalmente fare la parte di Ginger Spice) e quello è stato uno dei primi momenti in cui abbiamo legato. Abbiamo sei anni di differenza ed era difficile stare insieme anni fa, perché io ero una bambina e lei una ragazzina. Ci piacevano cose diverse, lei voleva stare con le sue amiche ed io volevo giocare. Insomma, non ci stavamo troppo simpatiche. Però le Spice Girls ci hanno aiutate ad andare d’accordo, quindi questo è un altro motivo per cui ho scelto di iniziare con questa canzone.

Non so con che frequenza continuerò questa serie, ma mi piacerebbe andare avanti e presentarvi vari brani importanti (ne ho già un piccolo elenco), quindi spero che questi post vi piacciano!

A domani,

Poppy