156: Non Abbandonateli!

Leave a comment Standard

1510542_813108182036252_111824834_n

Come ogni estate si cominciano a sentire al telegiornale tutte le statistiche dell’abbandono degli animali. E, come ogni estate, mi arrabbio tantissimo. La gente vuole partire per le vacanze e cosa fa? Abbandona i propri cani, gatti e altri animali da compagnia, condannandoli a morte. Perché cosa pensate che succeda a un animale abituato a stare in casa, se viene lasciato da solo in un posto che non conosce? Cerca di tornare a casa e rischia di essere investito o di morire di fame o di caldo o di qualsiasi altra cosa.

Io amo gli animali. Forse anche più delle persone. Non concepisco come si possa adottare un cane o un gatto, sentire il loro affetto e poi abbandonarlo per andare in vacanza. Che razza di persone egoiste e cattive fanno una cosa del genere? Perché si tratta di persone del genere, persone senza un minimo di cuore (e di cervello).

Soprattutto perché al giorno d’oggi ci sono tante soluzioni per evitare di condannare a morte il proprio amico a quattro zampe, abbandonandolo in autostrada o chissà dove. Ci sono pensioni dove si possono lasciare gli animali quando si va in vacanza, sempre più strutture che accettano gli animali domestici (hotel, spiagge)…

Gli animali non sono giocattoli. Sono un impegno grande e bisogna essere preparati al loro arrivo. Diventano parte della famiglia, vanno curati e hanno bisogno di affetto. E loro ne daranno tanto a voi e vi renderanno persone felici, perché non c’è niente di meglio che vederli scodinzolare o fare le fusa. Ci sono troppe persone che cedono agli occhioni dei bambini che vogliono un cucciolo. Ne adottano uno e poi si rendono conto che avere un animale richiede tanto lavoro. Non sono pronti, non ne hanno voglia e poi lo abbandonano per andare in vacanza.
Non si fa così.

Avere un animale (e nello specifico un cane – io parlo soprattutto di cani perché ne ho uno e perché sono quelli che di solito vengono abbandonati in autostrada) significa essere pronti a dargli da mangiare, portarlo in giro, pulire quando sporca, portarlo dal veterinario, farlo giocare e dargli affetto. Non è un peluche, ha dei bisogni. E ha anche dei sentimenti, perché non so se avete mai letto storie di cani che aspettano i padroni alla fermata del treno o dell’autobus per portare a casa lo zaino. Non so se avete mai letto di storie di cani che vanno a dormire sulla lapide dei padroni morti. Ce ne sono tante in giro.

Il mio appello, oggi, è semplice.

NON ABBANDONATELI. NON CONDANNATELI A MORTE SICURA!

E, vi prego, non prendetevi l’impegno di adottare un animale se sapete che non siete pronti. Non fatelo solo per fare contenti i vostri bambini a Natale o al compleanno.

Inoltre, se proprio vi rendete conto di non poter più tenere il vostro cane o gatto, provate a cercare un’altra famiglia che saprà dar loro le cure necessarie oppure provate a portarlo a un canile o a un gattile. Non lasciateli in mezzo alla strada. Non diventate assassini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...