Nuovo anno, nuova vita

Comments 4 Standard

Ecco un cliché che sentiamo forse troppo spesso all’inizio di un nuovo anno. “Nuovo anno, nuova vita”. In effetti, se ci pensiamo, non ha troppo senso. Cosa cambia tra il 31 dicembre e il 1° gennaio? In realtà non molto, ma con l’inizio di un nuovo anno le persone si sentono forse più ottimiste. Insomma c’è la sensazione di avere la possibilità di ricominciare da capo.
E di solito sono una di quelle persone che pensa che tra il 31 dicembre e il 1° gennaio non cambi assolutamente nulla, ma quest’anno è diverso. Questa volta so di dover fare dei cambiamenti e non so se sono pronta ad affrontarli, ma so che ci proverò.

Innanzitutto riconosco di aver fallito miseramente la mia sfida con me stessa, quella di scrivere 365 post consecutivi, quella di “bloggare” per un anno intero. Avevo intenzione finirla, ma quando sono cominciate le vacanze di Natale ho cominciato a sentire il bisogno di allontanarmi da Internet. E’ stato il mio lavoro per un anno intero (oltre ad essere ovviamente anche un divertimento, uno svago) e improvvisamente ho voluto staccare la spina. Ho passato delle giornate meravigliose con la mia famiglia e mi sono rilassata. Beh, non del tutto, perché c’era sempre un pensiero nel retro della mia mente, ma torneremo su questo discorso più tardi.

Durante gli ultimi giorni di dicembre ho provato a fare una lista di quello che vorrei fare quest’anno, i miei buoni propositi, insomma. Voglio condividerli con voi:

  • FITNESS: ho una vita abbastanza sedentaria, perché lavoro con il computer e spesso passo il mio tempo libero al computer, perché come sapete la mia passione è scrivere. E non posso farlo mentre corro, quindi sto seduta per gran parte della giornata. Quest’anno voglio cambiare le cose e cominciare a muovermi e a fare esercizi. Il mio obiettivo è quello di allenarmi almeno trenta minuti ogni giorno (almeno cinque giorni su sette). E per il momento ci sto riuscendo e ho cominciato persino a fare jogging.
  • LAVORO: e qui arriviamo al motivo della mia ansia. Quando ho accettato il mio lavoro, all’inizio dell’anno scorso, sapevo che sarebbe stato a tempo determinato. Lo sapevo, ma l’ho accettato lo stesso perché credevo nel progetto e infatti mi è piaciuto tantissimo lavorarci. Quindi adesso so che è solo una questione di tempo e dovrò trovare qualcosa di nuovo e questo mi spaventa tantissimo. Perché credetemi, non ho la minima idea di quello che voglio fare e mi piacerebbe riuscire a trovare qualcosa che mi lasci un po’ di tempo per scrivere. Ho troppe pretese, vero?
  • LEGGERE: l’anno scorso non ho letto tanto come avrei voluto. Vi basti solo sapere che “Trama di Sangue”, quel libro di cui vi ho parlato mesi fa, è rimasto sul mio comodino fino a pochi giorni prima della fine del 2013. Non perché fosse un brutto libro. Anzi, mi è piaciuto tantissimo. Ma non riesco mai a ritagliare abbastanza tempo per la lettura. Quindi quest’anno il mio obiettivo è leggere almeno un libro al mese e finire tutti quelli che ho in casa prima di comprarne altri.
    Per il momento ho raggiunto l’obiettivo per questo mese, perché ho letto “Gone Girl” di Gillian Flynn (in italiano “L’Amore Bugiardo”, credo). Ho amato quel libro e l’ho divorato in tre o quattro giorni. Non riuscivo davvero a smettere di leggere! Adesso ho cominciato “Secret Diary of a Call Girl” di Belle De Jour. Ho visto la serie televisiva qualche anno fa e sono sempre stata incuriosita dal libro da cui è stata tratta. E poi, dopo “Gone Girl”, avevo bisogno di una lettura molto leggera.
  • ESSERE PIÙ FELICE: più che altro essere più tranquilla. Voglio cercare di preoccuparmi meno di tutto, di arrabbiarmi di meno per le cose stupide e cose del genere. Voglio provarci, almeno.

L’ultimo buon proposito è quello di fare un tatuaggio. So che non è propriamente un buon proposito, ma l’ho inserito comunque nella lista. Sono anni che ho in mente cosa voglio e dove e ne parlo sempre, ma non faccio mai nulla. Quest’anno voglio che sia quello giusto. Devo solo trovare un tatuatore.

Non nascondo di aver passato un periodo un po’ brutto ultimamente, perché non riesco a smettere di pensare che quest’anno avrò venticinque anni e mi sembra di non aver ancora capito cosa voglio fare, in che direzione portare la mia vita. Forse è perché non so cosa esattamente cosa voglio, quali sono i miei obiettivi. Ma ho deciso che quest’anno lo scoprirò.
Venticinque anni mi sembrano un’età ragionevole per scoprire cosa voglio fare “da grande”.
Venticinque anni mi sembrano un’età ragionevole per smettere di avere paura e cominciare a seguire davvero i miei sogni.

Una cosa, però, è certa. Amo scrivere e anche se ultimamente ho avuto un enorme blocco dello scrittore continuerò a farlo. Ricomincerò anche a postare le mie storie su EFP (almeno quelle che ho finito) e cercherò di continuare quelle che ho iniziato a scrivere (anche solo nella mia mente). Sì, questo è l’anno giusto per mantenere i miei buoni propositi e capire davvero quello che voglio fare nella vita.

Vi ringrazio in anticipo se avrete voglia di seguire questo mio nuovo “viaggio” e anzi, mi scuso per essere sparita. Non posterò più tutti i giorni come prima, ma cercherò di aggiornare spesso, quando avrò davvero qualcosa da dire. Vi auguro un Buon 2014 (anche se un po’ in ritardo) e vi lascio con una domanda:

Quali sono i vostri buoni propositi per quest’anno nuovo?

Poppy

Annunci

4 pensieri su “Nuovo anno, nuova vita

  1. Buon anno sweetie♥
    Per I miei buoni propositi per il nuovo anno ancora non ci ho pensato, anche perché sono sincera non ne ho avuto il tempo.
    Uno che è un buon proposito già da un po è trovare un pomeriggio per vederci :), per il resto ci penserò!!!
    Un bacio grande ♥

    • Grazie, sweetie, anche a te!
      Aww è un buon proposito bellissimo e quest’anno ce la faremo, ne sono sicura!!
      Un bacio grande anche a te!

  2. Ciao Poppy, ben tornata! Direi che hai degli ottimi propositi. Sul fattore ansia dovuto al lavoro però ti consiglio di farci l’abitudine visto come stanno andando le cose ultimamente, sempre se vuoi rimanere qui. Perché non provi nella tua Inghilterra o in Australia? Nella terra dei canguri puoi andare con un permesso di lavoro-studio di un anno prorogabile finché sei sotto i 30 anni. Io li ho ormai superati, e il mio cruccio è di non essere partito per tempo. Non che voglia fare il pessimista, ma questo nostro bel Paese che tanto amo, lo conosco da più tempo e so anche che brutte esperienze si possano fare quando si finisce vittime di alcuni individui che cercano di sfruttare l’entusiasmo altrui per i propri fini (economici). Avere delle passioni e un talento da coltivare dovrebbe essere un merito, non una colpa. Spero proprio che tu riesca a centrare tutti i tuoi obiettivi in questo nuovo anno 🙂

    • Ehi, grazie! Già, purtroppo visto come stanno andando le cose immagino che dovrò proprio abituarmi all’ansia. Per fortuna almeno per adesso mi hanno chiesto di continuare a lavorare al progetto che stavo seguendo, però so di dover trovare qualcosa di fisso prima o poi.
      Conosco delle persone che si sono trasferite in Australia e mi hanno detto che è stata la scelta più azzeccata che abbiano mai fatto nella loro vita. Io, invece, sono sempre attirata dalla mia Inghilterra. Ne parlo sempre con mia sorella e credo che prima o poi (forse più ‘prima’ che ‘poi’) ci trasferiremo insieme. Non so, vedremo come andrò.
      Nel frattempo ti ringrazio e spero anch’io che tu riesca a realizzare i tuoi obiettivi quest’anno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...