Giorno 72: La creatività e la (mal)educazione della gente

Leave a comment Standard

Da tempo ho scoperto che esistono vari tipi di creatività. Mi spiego. Io amo disegnare e scrivere e ho notato che i due bisogni si manifestano in modi molto diversi. Ci sono giorni in cui mi sento così piena di creatività da aver paura di esplodere e quindi sono costretta a sfogarla in qualche modo. Ma la voglia di disegnare è molto, molto, molto diversa di quella di scrivere.

Quando ho bisogno di scrivere una storia nella mia mente comincia a formarsi la trama (o la scena, dipende) e continuo a pensarci senza sosta, scrivendo mentalmente e sperando di ricordarmi tutto, ripensando alle varie frasi e perfezionando il tutto. Di solito ho immagini molto vivide di quello che voglio scrivere, un po’ come se stessi guardando un film. Avete presente quando leggete un libro scritto davvero bene e nella vostra mente parte il “film” che vi siete immaginati? Ecco, le scene o le trame delle nuove storie si “manifestano” in questo modo. Il brutto è quando mi succede prima di addormentarmi (cioè il 99% delle volte, perché la notte è il periodo in cui la creatività di una persona raggiunge il suo picco), perché alla fine non riesco più a dormire e devo scrivere le idee che mi sono venute da qualche parte per svilupparle il giorno dopo. Anche se è inutile dire che in quei momenti mi verrebbe voglia di alzarmi e accendere il computer – cosa che non posso fare, se il mattino dopo voglio alzarmi e non sembrare uno zombie.

Invece quando ho bisogno di disegnare è completamente diverso. Sento quasi un prurito alle mani, ho l’istinto di prendere un foglio bianco e cominciare a tracciare linee finché vedo sulla carta quello che ho immaginato. Ieri sera, per esempio, avevo una voglia disperata di sfogare la mia creatività in qualche modo, ma non riuscivo più a scrivere. Così ho preso il mio blocco da disegno e il risultato è quello della foto in alto. Era da parecchio che non disegnavo (se non contiamo un paesaggio fatto con i gessi a Londra) ed è stata una sensazione incredibile. Non mi ero nemmeno accorta che mi fosse mancato così tanto!

A volte mi capita di ascoltare musica quando disegno, invece più spesso mi viene voglia di far partire un DVD di un film o telefilm (solitamente che ho già visto, così non ho bisogno di continuare ad alzare la testa per seguire la trama) e ascolto gli attori parlare in inglese. E’ un po’ come fare due cose in una volta sola: disegnare e perfezionare la lingua. Invece quando scrivo preferisco mettere le cuffie e ascoltare uno dei miei album preferiti o semplicemente il rumore della pioggia.

Voi come sfogate la vostra creatività? Sentite anche voi questa differenza (se avete hobby diversi come i miei)?

Prima di concludere il post voglio raccontarvi due cose che mi sono successe negli ultimi due giorni:

  • Io amo l’inglese, ma ormai lo saprete. Credo che sia una lingua bellissima e mi piace tutto. Amo i loro modi di dire, amo il modo di scrivere degli autori inglesi/americani. Tutto. Così oggi sono passata in libreria per comprare il quarto e ultimo libro di una saga che ho iniziato tempo fa. I primi tre li ho letti in lingua originale, così volevo anche il quarto (sia perché ho tutti gli altri in inglese e sia perché non mi piace la traduzione italiana). Non vedendolo esposto mi sono avvicinata alla cassa per chiedere alla commessa se l’avessero e mi ha guardata come se fossi un’aliena. Poi mi ha risposto “ma no, eeeeeeh. Noi non li teniamo e possiamo ordinarli solo in italiano!!!!!!!!” Non mi sembrava di aver chiesto una cosa così strana, ma va bene. Ah, tutto ciò ovviamente dopo che ho dovuto attirare la sua attenzione con un “buongiorno!” a voce abbastanza alta, perché lei stava chiacchierando amabilmente degli affari suoi con la collega e non ne voleva sapere di darmi retta, nonostante mi avesse vista.
  • Ieri al supermercato stavo guardando lo scaffale delle zuppe per sceglierne una, quando una ragazza mi si è piazzata esattamente davanti, ma non da sola. No. Con carrello e figlio di un paio di anni che faceva delle scenate incredibili e continuava a scalciare e a strillare. Non ha chiesto scusa, non ha comprato nulla e se ne è andata dopo parecchio tempo.

Queste cose mi fanno perdere sempre di più la fiducia nell’umanità. Ma non esiste più nessuno con un briciolo di educazione? Mi è capitato di fare lavori in cui avevo a che fare con persone che mi chiedevano cose e ho sempre risposto con gentilezza anche alle richieste più assurde. In fondo basta un sorriso e un tono cordiale per parlare con i clienti. Poi sarò strana io, ma se sono al supermercato e devo per forza anche solo passare davanti a qualcuno che sta guardando uno scaffale chiedo scusa e cerco di fare più in fretta possibile.  Non so, potrei scriverci un libro sulle persone maleducate che ho incontrato nella mia vita, compresa quella che mi ha tagliato la strada in stazione, con tanto di trolley, ha obliterato il biglietto prima di me, mi ha fatto cadere il trolley sulla caviglia e poi mi ha insultata e mi ha urlato dietro per cinque minuti buoni perché secondo lei ero in mezzo ai piedi. Quando io ero già all’obliteratrice (con biglietto teso verso la macchina) e lei mi si è infilata davanti. Lì però non sono stata zitta, non sono riuscita. Ho dovuto per forza risponderle, perché essere insultata da una sconosciuta, che per giunta era anche in torto, è troppo anche per me.

Inutile dire che tutte queste cose mi sono capitate in Italia, perché nel resto del mondo (e ho visitato un po’ di città e paesi), non succede mai nulla di tutto ciò. Anzi, negli altri paesi sono loro a chiederti scusa se tu gli vai addosso (e parlo dei locali, ovviamente, non dei turisti). Odio generalizzare, ma siamo proprio un paese di maleducati. Certo, ci sono le eccezioni ovunque, ma la maggior parte delle persone sono proprio così purtroppo.

Voi cosa ne pensate? Sono capitate anche a voi scene di questo genere? Raccontatemele nei commenti se vi va!

A domani,

Poppy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...